Lucy Taylor Hobbs, la prima donna dentista

Possiamo dire che la vita per Lucy non sia mai stata facile. Nata nel 1833 da un’umile famiglia della contea di Franklin, nello stato di New York, come molti bambini dell’epoca ha infatti iniziato a lavorare sin dall’infanzia, per aiutare nel sostentamento dei suoi nove fratelli e sorelle… ma nonostante i grandi ostacoli – sia economici che sociali – Lucy non ha mai smesso di credere nel suo sogno:

Fare successo come odontoiatra sebbene nessuna donna prima di lei ne avesse avuta la possibilità!

Una professione solo per uomini

Purtroppo per Lucy, negli Stati Uniti di metà Ottocento, come anche nel resto del mondo, la professione dentistica e l’istruzione di alto livello erano esclusiva degli uomini. Per questo motivo Lucy dovette affidarsi a mentori e tutor privati che credettero in lei, e furono capaci di riconoscere in una giovane donna talento e determinazione, andando oltre ai tabù e alla discriminazione dell’epoca.

Lucy iniziò così a praticare privatamente nel 1861 (a soli 28 anni) quando aprì il primo studio dentistico gestito da una donna. Un traguardo mica da poco 😉

Questione accademiche

Certo, le pratiche di fine Ottocento a cui Lucy era dedita non somigliavano poi molto a quelle moderne, ma ci piace pensare che se la giovane odontoiatra avesse avuto a disposizione strumenti di livello, sarebbe diventata molto velocemente la donna del dentale più famosa e richiesta del tempo!